I sotterranei di S. Crisogono a Trastevere


domenica 11 novembre 2018

I sotterranei di S. Crisogono a Trastevere

Nel cuore di Trastevere, a due passi dalla piazza principale dello storico quartiere, la Chiesa di San Crisogono si erge con la sua monumentale facciata su viale Trastevere. Non tutti sanno però che cosa si nasconde nei suoi sotterranei: un frammento di città antica perfettamente conservato e visitabile. E’ questo infatti uno dei siti della “Roma Sotterranea”, disseminati per la città ma spesso poco accessibili o addirittura sconosciuti.

Una passeggiata nella storia

Scendendo da una scala in ferro che parte dalla sagrestia della chiesa moderna si giunge infatti al livello più antico della città: qui ci accoglie un intricato labirinto di muri di epoche diverse che raccontano la lunga storia dei questa zona dall’epoca romana sino all’età moderna.
Una volta scesi nella chiesa più antica, passando attraverso l’antico corridoio anulare della cripta si raggiunge la navata dove, con uno sguardo accorto, si possono identificare gli antichi muri di età romana, le più tarde strutture di V secolo, e le fondazioni della chiesa moderna.

Una chiesa antichissima

Sotto la moderna chiesa di San Crisogono si trova infatti l’antica chiesa, diversa nella forma e nelle dimensioni, realizzata nel V secolo d.C. per accogliere i cristiani, la cui religione era oramai pienamente riconosciuta. L’antica chiesa fu costruita sfruttando strutture più antiche di età romana: la zona di Trastevere era infatti, già in età imperiale – a partire dal I secolo d.C. -, una zona densamente abitata, la cui popolazione era strettamente legata alle attività commerciali che si svolgevano lungo il Tevere.

Una chiesa a navata unica, decorata da semplici pitture accoglieva così i primi cristiani e i primi pellegrini che arrivavano a Roma. Nell’VIII secolo d.C, la chiesa fu ristrutturata: fu dotata di una cripta sotto l’abside e le pareti furono decorate con un nuovo ciclo pittorico. Nel XI secolo la chiesa si trovava ormai in pessime condizioni cosicché il Cardinale Giovanni da Crema la fece interrare completamente e vi costruì al di sopra una nuova basilica che si è mantenuta, con successive modifiche, sino ad oggi.

foto5

La scoperta dei sotterranei

L’antica chiesa fu scoperta in maniera fortuita solo all’inizio del secolo scorso, quando uno strano muro semicircolare venne alla luce durante lavori di ristrutturazione nella sacrestia. 

Grazie allo sguardo attento di un parroco e all’intuizione di un archeologo ebbe inizio una lunghissima campagna di scavo per liberare la chiesa antica dalla terra e dai detriti che ne riempivano l’interno. Lo scavo non fu mai portato a termine, ma ha reso comunque accessibile l’abside con l’antica cripta, il battistero, l’intero perimetro interno e ciò che resta della facciata. 

Chi era Crisogono?

Un mistero avvolge ancora l’identità del personaggio di cui la chiesa porta il nome: forse un martire cristiano di cui le origini non sono ben chiare o forse l’antico proprietario delle strutture romane su cui sorse la chiesa. Sicuro è, in ogni caso, che le presunte reliquie del martire cristiano erano conservate nella cripta della chiesa e attiravano un grandissimo numero di pellegrini.

Sto caricando la mappa ....